Palermo è Rosalia

Palermo è Rosalia nel cuore del centro storico

Palermo è Rosalia in cima al monte Pellegrino

Palermo è Rosalia nel volto di una bambina

Palermo è Rosalia nelle rughe di un anziano

Palermo è Rosalia nel cuore di una madre

Palermo è Rosalia nelle speranze di un ragazzo

Palermo è RosaliaRosalia è Palermostoria di Santa Rosalia

 Ogni anno a Palermo viene celebrato il culto della Santa Patrona della città, Santa Rosalia, in ricordo del miracolo che salvò la città di Palermo dalla terribile epidemia di peste del 1624.
carro Santa Rosalia 2006Negli anni il “festino” si è andato arricchendo di significati, anche profani, di coreografie e scenografie che mantengono comunque sempre una fortissima simbologia legata alla tradizione ed al culto religioso.
Appuntamento imperdibile per ogni palermitano che si rispetti, il festino attira curiosi da ogni parte della Sicilia e sbalordisce i turisti che, per l’occasione o per caso, si trovano coinvolti nei festeggiamenti.

La storia di Santa Rosalia

Rosalia Sinibaldi nasce a Palermo nel 1128. Fanciulla di nobilissime origini e pertanto di ricca famiglia: il padre discendeva da Carlo Magno e la moglie era imparentata con il re normanno Ruggero.
Visse la gioventù tra gli agi della corte normanna, finché un episodio fortuito non cambio radicalmente la sua vita: il conte Baldovino, durante una battuta di caccia, salvò la vita al Re Ruggero, attaccato da una bestia feroce. Il re normanno fu immensamente grato al giovane, promettendogli qualunque ricompensa. La richiesta del conte Baldovino fu proprio la giovane Rosalia, che gli fu così promessa in sposa.
statua Santa Rosalia SantuarioLa giovanissima Rosalia non perse tempo e non volle pensare neppure un istante alla possibilità di andare in sposa al conte, e all’indomani della richiesta, si taglio le sue bionde trecce e prese i voti.
Dapprima si trasferì in preghiera a Bivona, ma la sua popolarità era tale che i pellegrinaggi presso la grotta in cui risiedeva non le permettevano di dedicarsi alla fede; decise così di tornare a Palermo, trovando riparo presso una grotta sul Monte Pellegrino. Anche lì fu presto raggiunta dai pellegrinaggi, ed il 4 Settembre 1165 fu trovata morta nella grotta, a soli 37 anni.

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra secondo la nuova normativa Regolamento Ue 2016/679 maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi